Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘sonia peronaci’

Tempo di vacanza e di mangiate con gli amici. Chiacchierando e assaggiando qua e là, ci si scambia qualche ricetta e si fanno esperimenti in cucina. E con quello tentato oggi, mi sono ritrovata a ragionare su alcune cose che, a prima vista, mi erano sfuggite.

Su suggerimento di un’amica, ho sperimentato una salsa tonnata veloce, da preparare con tonno, un cucchiaio di capperi, un’acciuga e una confezione di Philadelphia. Dopo il mio iniziale stupore, ho fatto qualche ricerca e ho così scoperto che sempre più spesso il formaggio Philadelphia viene utilizzato per sostituire la maionese in alcuni piatti, perché risultino più veloci e leggeri. Il risultato non sarà esattamente lo stesso, ma devo dire che ci si va molto vicino. Ma il punto non è questo. Ho cominciato a ripensare ai cambiamenti che la pubblicità Philadelphia ha avuto nel corso degli ultimi tempi.

Nel 2010 esce una campagna multi soggetto che invita a considerare i numerosi modi, magari poco usuali o conosciuti, di utilizzare Philadelphia. La headline è semplice ma efficace: “Perché solo spalmarlo?” Le risposte, a seconda dei soggetti, diventano: “Aggiungilo”, “Arrotolalo”, “Saltalo”. E la chiusura è sempre: “Goditelo.”

È davvero un qualcosa di rivoluzionario per l’identità di marca. Basta parlare di spuntini, basta parlare di leggerezza. Tutto questo la gente lo sa. Adesso è arrivato il momento di parlare di versatilità e di dire ai consumatori che il formaggio spalmabile Philadelphia è ottimo anche per cucinare.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Da un mesetto a questa parte, la seconda puntata di questa piccola rivoluzione. Testimonial dello spot televisivo diventa Sonia Peronaci, la blogstar di Giallo Zafferano, sito che negli ultimi anni è diventato un riferimento per tutti i cuochi italiani, più o meno dilettanti, che vanno alla ricerca di una ricetta in Rete. È lei che, come in una delle sue video ricette, dimostra come utilizzare Philadelphia. E con pochi e semplici passaggi spiega come realizzare un piatto di tutto rispetto.

Ecco fatto, alla faccia del web 2.0, del networking, della socialità. Il successo è stata la capacità di osservare un cambiamento (fortunato) della percezione del prodotto che si stava generando nei consumatori stessi, in modo spontaneo. Posso assicurare che non è semplice: bisogna saper essere umili, attenti, disponibili ad ascoltare e non soltanto pronti a declamare le proprie regole d’oro. E se un nuovo modo di percepire il prodotto arriva “dal basso”, allora vale la pena di rivolgersi al simbolo stesso di un nuovo modo di condividere ricette e consigli di cucina: i blog e i forum tematici. E, soprattutto, Sonia Peronaci che anche in questa situazione si dimostra brava, simpatica e competente. È vero, anch’io nutro una particolare simpatia per lei. Anch’io frequento il suo video blog e i suoi forum. Anch’io vado a curiosare tra le sue ricette quando ho un dubbio o quando mi manca un’idea.

Da umile copy, complimenti all’azienda e all’agenzia. Un’idea semplice, ma vincente e geniale. In una parola: intelligente.

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: